(3)1 gocce di pioggia.

Esattamente un anno fa alla stessa ora buttavo i libri sulla scrivania e avviavo il computer senza sapere cosa sarebbe successo dopo. Alcune decisioni si prendono per mancanza di alternative e altre perché dopo ci fanno sentire meglio. Ero una bomba inesplosa sul punto di scoppiare da un momento all’altro ma è bastato un solo foro per alleviare la pressione. Per far fluire in modo ordinato e spontaneo i pensieri e costruirgli argini a destra e sinistra. È stato un modo per incanalarli e concretizzarli permettendo la depressurizzazione della calotta cranica. Dopodiché, col passare del tempo, le due rive si sono distanziate sempre di più e il fiume si è allargato, espandendosi naturalmente negli spazi vuoti. Quel giorno non sapevo cosa avrei fatto o come avrei dato senso alla mia testa piena di parole, e poi è nato questo blog. Compagno silenzioso di avventure e scatola in cui mettere le cose fuori posto. Mi ha donato tanto, forse più lui a me che viceversa, mi ha riempito di inaspettate soddisfazioni. In un anno ha riflettuto ad ogni istante la mia immagine per consentirmi di passare attraverso lo specchio e abbracciare gli spigoli. Dovreste farlo anche voi: abbracciate gli spigoli.

FullSizeRender

(C) Cercatoredifavole

23 maggio 2015 – 23 maggio 2016. Oggi il cielo è coperto di nuvole proprio come un anno fa. Sul vetro della finestra precipita qualche goccia di pioggia, ne sento il ticchettio fuori tempo e ne vedo la somiglianza con polpastrelli intenti ad aprirsi una breccia, e forse tutto è una armoniosa aritmia. Qualche goccia impatterà contro qualcun altra e insieme scivoleranno giù unite dalla stessa scia.
È cambiato tutto ma non è cambiato niente. Stesso posto, paese diverso. Stesso luogo, un cuore più grande. Stessa stanza, un’anima in viaggio. Sono una zattera su quel fiume in piena che si perde lontano. Questa zattera non sarebbe esistita senza tutte le esperienze vissute e le occasioni afferrate e perse, e se le persone e gli eventi della vita non avessero fornito il legno adeguato per costruirla. Mio adorato blog, ho pensato che fossi una creatura generata dal mio intelletto, ma non saresti stato nulla senza gli altri, senza tutto il resto: i pochi ma buoni, le fonti di ispirazione e gli spunti, coloro che leggono e mi raccontano e cercano storie, a volte le stesse che cerco io a volte no, gli incastri di anime che mi fanno pensare e pensare e pensare… e allora scrivo. Scrivo perché anche il cuore più potente ha bisogno di un posto dove andare in pezzi.

Tanti auguri, ‪#‎Cercatoredifavole‬, oggi ti festeggio ricordando il primo post che ti ha dato vita.

Grazie a chi ha sostenuto questo progetto dall’inizio, a chi mi ha incoraggiato a farlo e a chi ha detto che era giusto e bello provarci. Grazie a chiunque fosse solo di passaggio, a chi mi ha donato una storia, a chi me l’ha nascosta in un commento, a chi ho incontrato per la strada. Grazie al mio alter ego che cerca favole, perché non smette mai di farlo nemmeno per un secondo. Grazie alla “malattia”, perché solo noi malati sappiamo qualche cosa di noi stessi.

Come tutte le cose belle o comunque piacevoli per i diretti interessati, anche questo spazio avrà una fine. Forse oggi, forse ora, forse ad un numero definito di post, in un anno preciso, o allo scoccare di un certo anniversario. Solo il tempo potrà deciderlo.
Prima o poi.

Perché senza l’amaro, amico mio, il dolce non è poi tanto dolce.
(dal film Vanilla Sky)

Nel frattempo, 31 gocce di pioggia.

 


👉Soundtrack
(“Oh My Honey” – Sarah Jackson-Holman; traccia del post particolarmente intensa, provate ad ascoltarla e se vi va ditemi cosa ne pensate)

Trovate Cercatoredifavole anche su Facebook, se volete lasciare un like visitate la 👉pagina. Ciao a tutti:)

Schermata 2016-05-23 alle 16.57.50

 

Annunci

13 comments

  1. Pingback: SABATOBLOGGER 45 – I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog
  2. Pingback: Extrasistoli (Considerazioni random sulla vita #2). | D.
  3. bluebird90 · luglio 8, 2016

    Come sempre regali una miriade di emozioni, anche contrastanti ma pur sempre emozioni. Grazie di cuore a te e al tuo blog! Quando vengo qui mi sento come se prendessi una coperta e mi stendessi su di un prato di notte, lontano dalle luci e dal caos, lontano dalla civiltà per assaporare le emozioni della brezza serale, dall’erba gentile, dai rumori di animali lontani o vicini. E perdermi nel mare di stelle sopra di me.
    Arrivo in ritardo, ma non smetto di leggerti! Un abbraccio caro D.

    Liked by 2 people

    • D. (Cercatoredifavole) · luglio 22, 2016

      Né tardi né presto: si arriva sempre al momento giusto. Hai descritto una bellissima immagine che mi ha molto colpito, è anche una grande responsabilità rappresentare quel medesimo luogo di pace e rumori haha! Spero che questo blog continui ad esserlo in qualche modo, per chiunque capiti nei paraggi. Ti ringrazio e ti mando un abbraccio anche io, nella vita contano le costanti, non la frequenza della costanza 😉

      Mi piace

  4. alessialia · giugno 17, 2016

    oh e io mi sono emozionata….
    che bello abbracciare gli spigoli…. a volte ci danno anche il giusto equilibrio… se ti gira la testa, hai un’emozione, hai il cuore a ottomila, in una stanza bianca, guarda un angolo, uno spigolo… quello è un appiglio…
    un blog puo non sembrare nulla… ma fa incrociare vite… che belli gli incastri di anime di cui parli… in generale, nella vita…! ti ho scoperto da poco e come per tutti i blog che mi piace leggere e chiacchierare con i loro padroni, ti direi di non chiudere mai… ma ho imparato che purtroppo ( e te lo dico con un magone enorme, allargando e generalizzando) che forse è giusto che tutte le cose belle abbiano una fine… boh… o forse continuare all’infinito? boh… mi sto incartando!
    beh tu scrivi finche ti regalerà emozioni, finche ti viene di farlo e ti rende felice… se diventa un dovere non è piu giusto…
    intanto felice che non sia ora questa fine!
    ah ho scritto un poema come al solito, ma… buon compleanno blog, anche se in ritardo!

    Liked by 2 people

    • D. (Cercatoredifavole) · giugno 20, 2016

      Hai proprio ragione! Un “poema” assai gradevole da leggere, io e il mio blog ti ringraziamo di cuore ❤
      Finché scrivere ci regalerà emozioni degne di essere vissute, continueremo a farlo…

      Liked by 1 persona

  5. cdgiei · maggio 25, 2016

    Compleanni e anniversari sono momenti in cui sembra impossibile evitare i bilanci.
    Giustamente ti chiedi (o fai chiedere a noi): quanto durerà ancora questo salvifico fiume di parole? Quando si fermerà?
    SE la domanda fosse retorica, se nel tuo retrocranio esistesse già una specie di data di scadenza predefinita, mi sentirei di dirti: buttala via.
    Finché puoi, finché ha senso, continua a scrivere. Continua a dare ed a ricevere, e non guardare al di là del tramonto (o dell’alba, se scrivi di notte ;))
    Un abbraccio!

    Mi piace

  6. dimmibarbie · maggio 24, 2016

    auguri per il tuo blog e per la tua vita…
    un saluto gentile,
    Barbara

    Mi piace

  7. lamelasbacata · maggio 24, 2016

    Non smettere mai di cercare favole mio caro amico di parole. Troverai molto più di questo, ti verrà incontro la vita. Io cercando ho trovato te e non è poco. Auguri ❤

    Mi piace

    • D. (Cercatoredifavole) · maggio 24, 2016

      Non so cosa dire… Facciamo che guardo in alto così provo a trattenere ciò che non deve scendere e scivolare giù sulle guance. Un po’ come gocce di pioggia in fondo, quelle come fai a fermarle?
      Grazie, Mela ❤

      Mi piace

      • lamelasbacata · maggio 24, 2016

        Già, è bello guardarle scendere piano e confondere i contorni del mondo. Ti abbraccio

        Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...