Quando arriva domani (l’ora blu).

L’alba è un privilegio per pochi.

Ritrovarsi su un treno, su un aereo, su un autobus, di nuovo verso terre lontane e lontani inizi. Meglio farlo un soffio prima che spunti il giorno, o quando il tramonto che ci ha preceduti assume un colore tenue di alba confusa.

L’alba è un privilegio per pochi perché sono in pochi a fermarsi a guardarla veramente. Ti coglie di sorpresa quando guidi per strada e non c’è nessuno a disturbare la visuale. Nessun’altra auto e nessun altro essere umano che viaggia così presto per tornare a casa. O dopo averla appena salutata, dipende dai casi. L’alba arriva quando lasci che lo sguardo si perda oltre il finestrino di un treno o di un aereo e il sonno ha già abbandonato da un pezzo le tue palpebre. Quando non c’è abbastanza spazio nel cuore per portare tutto quanto. Quando viaggi verso una scelta e non sai come andrà a finire. Meglio che sia allora poco prima che il sole spunti, un po’ per buon auspicio un po’ perché, altrimenti, in piena luce del giorno il viaggio appare chiaro in tutto il suo dolore.

Se dovessi immaginare che qualcuno provi a fermarmi, allora vorrei che fosse durante l’ora blu. Vorrei che fosse per guardare l’alba. Per soffermarci sul privilegio di salutare questa terra insieme all’astro nascente. Per aspettare ancora un po’ prima di andare. Per avere la prima luce a guardarci le spalle e a mostrare il cammino che c’è davanti, anche solo per poche dita, pochi passi, pochi sguardi, pochi metri. Se qualcuno provasse a fermarmi, sarebbe per fare un respiro insieme e sentire il peso del bagaglio incollato alla mano. Sarebbe per cercare di catturare un ultimo istante e capire che dentro la valigia tutto quello spazio nemmeno basta. Sarebbe per un’ultima occhiata d’intesa, come a dire sarò sempre qui ogni volta che tornerai. Sarò sempre qui ad ogni alba. Sarò qui anche quando tu starai guardando in un altro luogo, o avrai camminato mille passi e mille anni.

Guarderemo due angoli di cielo diversi ma pur sempre appartenenti al medesimo universo e non cambierà niente. L’ora blu arriverà ogni giorno nello stesso momento e si poserà sulla terra con la stessa delicatezza.

E una nuova alba sarà dunque un nuovo privilegio perché intrinsecamente legato ad un ritorno. Tornare per iniziare qualcos’altro. Tornare senza mai tornare più. Si ritorna sempre, alla fine, no?

Quando tornerai?

Quando arriva domani.


D (Cercatoredifavole).

👉Soundtrack (“Build It Better” – Aron Wright)

👉Pagina FB

Annunci

4 comments

  1. cdgiei · 27 Days Ago

    Alba e tramonto sono dimensioni speculari e confrontabili. Amo entrambe ma ho una reverenza particolare per la prima. Perché è per pochi, perché cresce in un silenzio che si riverbera nel cuore, visto che solo in quel momento riesco davvero ad essere in silenzio dentro. L’eco della pace vibra di vita potenziale ed accende speranze senza paura. E allora gioisco, mi affido all’onda di ciò che sarà, mi accendo di gratitudine profonda.
    Grazie per avermelo ricordato.

    Liked by 1 persona

    • D. (Cercatoredifavole) · 1 Day Ago

      È vero, l’alba è per pochi, perché appunto trattasi di privilegiato momento. Grazie a te per essere uno di quei pochi che si fermano ad apprezzarla al contempo lasciando un commento di profondo significato. Proverò anch’io ad affidarmi all’onda di ciò che sarà!

      Liked by 1 persona

  2. silviacavalieri · marzo 20

    Mi ricorderò sempre di un tramonto che mi ha fatto piangere con le lacrime: andavo in aereo a Londra e stavamo sorvolando le Alpi… talmente bello che sono scoppiata a piangere, qualche passeggero mi guardava… avrei voluto dire a tutti: sono così felice! Semper dall’aereo… le albe e le aurore sull’Oceano indiano, inseguendo il giorno, troppo bello, da non dirsi, insostenibile…

    Liked by 1 persona

    • D. (Cercatoredifavole) · 27 Days Ago

      Grazie per aver condiviso questi ricordi e queste immagini meravigliose… dall’aereo effettivamente ti senti un gradino sopra al mondo (letteralmente se ci pensi), inteso come punto di vista privilegiato per far spaziare lo sguardo. Posso capire quanto sia stato bello e se fossi stato presente avrei compreso il significato delle lacrime. Un caro saluto 😊

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...