Ciottoli.

[Scroll down for the English version]

Sono state le ultime parole che mi hai detto. Durante l’ultima passeggiata insieme a Strasburgo. Avevamo appena finito di litigare, per l’ennesima volta.
« Voglio stare con te. Non voglio che ci lasciamo. » Io non ho risposto, sono rimasto in silenzio mentre continuavo a camminare senza sapere dove mettere le braccia. Pioveva, ricordi? Eppure non avevamo l’ombrello, e nemmeno un cappuccio, e nemmeno le mani l’uno dell’altra. Ti sentivo lontana anche se le nostre spalle si sfioravano, ma toccarti sarebbe stato così doloroso che già lo sforzo di allungarmi verso di te avrebbe disarticolato ogni mia giuntura. Le mie braccia sono rimaste giù come due pezzi rotti che solo tu avresti potuto aggiustare. Non vedi come si bagnano le suole delle scarpe camminando contro la marea? Non c’è isola dove poter naufragare con i resti di ciò che abbiamo.

Non so se mi hai guardato a Strasburgo. Non so se hai atteso il mio sguardo sperando in una risposta. Io ero consapevole della tua presenza solo con la coda degli occhi, incrociare i tuoi sarebbe stato così doloroso che le pozze nere di pioggia in confronto sono state un balsamo per le pupille. Così non ti ho guardato. E non ho risposto, perché non sapevo cosa dire. Abbiamo capito entrambi che la parola fine ci aspettava alla fine di quella strada. Così abbiamo continuato a trascinare i piedi sotto una pioggia fredda e bellissima, su quei ciottoli duri e crudi. Quella è stata l’ultima volta che abbiamo camminato insieme.

Il COVID-19 è riuscito a mettere in ginocchio il sistema sanitario di tutto il mondo e a sterminare decine di migliaia di persone. Quando ti ha portato via non ho saputo trovare un posto alla notizia. Non ci ho creduto per un po’, poi ho iniziato a crederci. Dicono che qualsiasi cosa si voglia fare, bisogna solo fare un passo e cominciare. Così ho fatto un passo verso il dolore e verso il perdono.

Pioveva, ricordi? Eravamo senza ombrello mentre camminavamo per le vie di Strasburgo. Voglio stare con te. Non voglio che ci lasciamo. Sono le ultime parole che mi hai detto.
Ora fermati, girati verso di me. Ora so, cosa dire.

D. (Cercatoredifavole).

👉Soundtrack (“Us” – Regina Spektor)

👉Pagina FB


[ENG] PEBBLES.

Those were the last words you said to me. During the last walk together in Strasbourg. We had just stopped fighting, once again. « I want to be with you. I don’t want us to be over. » I didn’t reply, I remained silent while I kept walking without knowing where to put my arms. It was raining, remember? We did not have an umbrella, nor a hood, nor even each other’s hands. I felt you were far away even if our shoulders were almost touching, but touching you would have been so difficult and painful in that moment that I just didn’t. My arms were down like two broken pieces that only you could fix. Don’t you see how those shoes get soaked wet by walking against the tide? There is no island where we can shipwreck with the leftovers of what we have.

I don’t know if you looked at me in Strasbourg. I don’t know if you waited for my gaze hoping for an answer. I was aware of your presence only through the corner of my eyes, meeting yours would have been so painful that the black puddles of rain were a balm for the pupils in comparison. So I didn’t look at you. No answer came, because I didn’t know what to say. We both understood that the end was waiting for us at the end of that road. So we continued to drag our feet under a cold and beautiful rain, on those hard and raw pebbles. That was the last time we walked together.

COVID-19 has managed to bring the health care system around the world to its knees and to wipe out thousands of people. When it took you away, I couldn’t find peace. I couldn’t believe it for a while, then I started to realize. They say whatever you want to do, you just have to step up, make a move, and start doing it. So I took a step towards pain and forgiveness.

It was raining, remember? We didn’t have an umbrella while walking by the street in Strasbourg. I want to be with you. I don’t want to break up. Those are the last words you said to me.
Now stop, turn around and look at me. Now I know what to say.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...