Quando arriva domani (l’ora blu).


L’alba è un privilegio per pochi.

Ritrovarsi su un treno, su un aereo, su un autobus, di nuovo verso terre lontane e lontani inizi. Meglio farlo un soffio prima che spunti il giorno, o quando il tramonto che ci ha preceduti assume un colore tenue di alba confusa.

Read More

Annunci

Le cose piccole.


[Ita] Lo sapete cos’è che fa la differenza? Sono le cose piccole. Gli atomi indivisibili più potenti. I nuclei che stanno al centro e che comprimono tutta l’energia al loro interno. La differenza la fanno i secondi. Minuscoli pedsc_7318modzzi di tempo che acquistano il significato più grande solo se impariamo a vivere. La differenza la fanno i biglietti che si ricevono insieme ai regali, dove anche una sola parola scritta nel modo giusto irrompe come un uragano. La differenza la fanno i pensieri, quelli piccoli dati in una busta di amore puro e quelli che una buona testa pensa e tiene per sé. È nelle cose piccole che possiamo ritrovare una direzione, basta un solo momento in cui i nostri occhi possono focalizzarsi su un punto e la testa smette di girare. D’altronde è con una bussola e un cielo colmo di stelle piccole come granelli di sabbia che si sono solcati mari e fiumi, per scoprire nuove terre. La differenza la fanno i piccoli cuccioli, che sopravvivono alla caccia dei predatori e alle avversità della giungla, dandosi tempo per crescere. La differenza la fanno i punti, perché una nuova frase inizia sempre dopo che un’altra è terminata. La differenza è nella grandezza di un istante breve ed irripetibile. Read More

Trentasei trentaseiesimi (quarto motivo).


#11motivi

Trentasei su trentasei. Pensavo che alla fine dei sei anni avrei tratto un bilancio rimanendone entusiasta. Pensavo che sarei stato terribilmente euforico e che i salti di gioia sarebbero arrivati fino alla Luna. Invece il primo momento si è solo riempito di un senso di vuoto. Poi la stanchezza. Poi non ho sentito niente. A volte le situazioni risucchiano energia e risorse a lungo e la guarigione non è semplice né rapida.
Il punto è che mi sono sentito anestetizzato e privo di reali emozioni: quando ho guardato il centro del petto ho visto solo un cuore fatto di pietra, proprio io che, tanto ipocrita, professavo la ricerca dei fuochi d’artificio ogni giorno. Sono stato così tanto concentrato su stati d’animo auto-referenziali che ho dimenticato come si fa ad emozionarsi? Come si fa a sentire? Come si fa a gioire?
L’urto e l’insulto ripetuto hanno scatenato una reazione di difesa e desensibilizzazione e quindi cammino senza essere sveglio. Sorrido su una pelle che non si tira e respiro aria artificiale. Dove sono le cose belle? Ci devo pensare su, le devo scovare, scoprire, spolverare, tirare fuori da scatole nere e profonde. Quando dovrebbero essere qui.

Read More

Acqua e schiuma (Considerazioni random sulla vita #3).


[English version coming soon]

[Ita] Ci sono persone. Ci sono macchie di gelato sulla maglietta. Ci sono pezzi di vita su una panchina di legno e un caldo atroce. Una vibrazione o forse l’illusione di una vibrazione e pensi subito che sia il cellulare, un messaggio, una chiamata. Invece è soltanto il giorno che scorre, forse il legno che fa da cassa di risonanza alla tua voce. Il cellulare può aspettare.

Ci sono momenti. Esperienze e memorie che gridano dietro gli occhi di ciascuno. Fa caldo, ecco perché il gelato si è sciolto prima che tu te ne accorgessi. La panchina di legno sembra un luogo sicuro su cui abbandonare il proprio corpo. Una zattera in mezzo alla piazza bruciata dal sole. La frenesia può aspettare. Read More

Sottovoce.


E allora guardami.
Dimmi il contrario di quello che dici, dimmi quello che il tuo cuore dice. Dimmelo sottovoce.
Poi urla quando tutto tace.
Gridamelo in faccia,
che non mi vuoi vedere più,
poi afferrami un dito, un dito solo,
tieni salda la presa anche quando siamo in volo.

Hai finito il fiato, ma anche l’affanno è andato via,
per cosa hai lasciato spazio, per la vita tua o la mia?
Forse è l’occhio ad aver guardato il lato sbagliato,
lasciando che il polmone si riempisse a metà,
Ma sai due mezzi cuori ne fanno uno intero
quindi chi se ne frega del buio che verrà.
In quel posto solo nostro,
tu sei la mia luce e non importa in quale angolo ci sia il mostro.

Fammi un sorriso sottovoce,
lega un capo del filo al mio dito,
a fare i nodi io non sono capace.
Ogni qual volta ne avrai bisogno,
tira l’altro capo ed io accorro, non importa dove.
Il mio petto è una scatola chiusa ma tu hai l’unica chiave.

Adesso che non hai più voce,
fai parlare me. Abbandona la tua croce.
Scegli bene, scegli la luce,

Scegli di vivere in pace.
La pace che senti,
solo se ci teniamo stretti.
E il cuore intero batte sottovoce.

Cercatoredifavole

👉Soundtrack (“BOTL” – Quinn Lewis + “Helium” – Sia)

👉Pagina FB

Read More

Forse un giorno.


[Scroll down for the English version]

A volte mi chiedo se siano possibili le seconde possibilità. Se non ci sia già del marcio in qualcosa che è andato male una volta, se non ci sia un difetto di fabbrica che possa inficiare ogni successivo tentativo di riparazione, in quanto le connessioni tra i pezzi non saranno mai ottimali. Lo sono state mai? Il fatto stesso di dover concedere una nuova apertura dopo una chiusura potrebbe esprimere l’intrinseca natura fallimentare delle seconde possibilità. Forse non sono possibili, forse non dovrebbero esistere, forse non esistono. Forse ci illudiamo che le cose possano davvero migliorare e stravolgersi, che il cambiamento possa essere motore, causa e conseguenza, di un riprovarci ancora. Concedersi un’altra occasione significa provare a cambiare qualcosa che non ci piace o ci ha fatto stare male, e andare avanti nella speranza che l’evento doloroso non si ripresenti o si presenti in forma attenuata, confidando nelle modifiche attuate dai soggetti affinché gli ingranaggi funzionino meglio o siano meglio oliati, affinché i miglioramenti permettano di verificare, con sollievo, che la seconda possibilità è stata una saggia decisione. Read More

In Un Angolo Di Settembre.


img_0849

(C) Fotografia personale.

Ci sono giornate come questa. Esistono, succedono, fanno parte di una storia che sembrava lontana e irrealizzabile. Eppure ora è reale, è possibile, ed è qui. Una storia che ha i contorni di una favola. È la favola che ognuno di noi si costruisce strada facendo, scrivendo su anime di carta.

Certe storie, certe favole, si intrecciano perché gli intrecci non possono fare a meno di crearsi tra chi è destinato ad unirsi per mano in un angolo di Settembre. Allora possiamo volere bene e volere il bene, perché il bene va condiviso e perché siamo quello che condividiamo. Possiamo amare e cercare amore, trovarlo in una virgola tra due periodi, sommare quantità a qualità. Collocare le cose in un posto, un posto giusto, un luogo che potremmo chiamare parentesi ma che in realtà è semplicemente quella virgola piccola, presente, necessaria, inserita nella storia e viva tramite essa. Nostra.
“Sono con te, sono te, sono in te.”
Read More

(3)1 gocce di pioggia.


Esattamente un anno fa alla stessa ora buttavo i libri sulla scrivania e avviavo il computer senza sapere cosa sarebbe successo dopo. Alcune decisioni si prendono per mancanza di alternative e altre perché dopo ci fanno sentire meglio. Ero una bomba inesplosa sul punto di scoppiare da un momento all’altro ma è bastato un solo foro per alleviare la pressione. Per far fluire in modo ordinato e spontaneo i pensieri e costruirgli argini a destra e sinistra. È stato un modo per incanalarli e concretizzarli permettendo la depressurizzazione della calotta cranica. Dopodiché, col passare del tempo, le due rive si sono distanziate sempre di più e il fiume si è allargato, espandendosi naturalmente negli spazi vuoti. Quel giorno non sapevo cosa avrei fatto o come avrei dato senso alla mia testa piena di parole, e poi è nato questo blog. Compagno silenzioso di avventure e scatola in cui mettere le cose fuori posto. Mi ha donato tanto, forse più lui a me che viceversa, mi ha riempito di inaspettate soddisfazioni. In un anno ha riflettuto ad ogni istante la mia immagine per consentirmi di passare attraverso lo specchio e abbracciare gli spigoli. Dovreste farlo anche voi: abbracciate gli spigoli. Read More

22.



Come anticipato nel precedente post ho aderito con estremo piacere al progetto #NoiLiAbbiamoAiutatiCosì, gestito da Moto39 blog, che ringrazio molto (cliccate sui link sottolineati per tutte le info).

Questo è il racconto inerente al tema che è scaturito dalla mente del Cercatore. Il contributo è stato pubblicato qualche giorno fa sul blog Moto39. Spero davvero che vi piaccia, prende in considerazione i recenti fatti di cronaca. Vi consiglio di riprodurre la traccia che vedete in apertura post come accompagnamento musicale durante la lettura.


22 MARZO.

Una normale giornata di lavoro. Doveva essere solo una normale giornata di lavoro. Ora invece non sento più alcun suono e il fumo offusca la mia vista. Mi chiamo Abdullah, devo tossire ma non oso farlo e mi scoppiano i polmoni a forza di trattenere i conati di vomito insieme alla cenere penetrata nelle vie aeree. Sono disteso a terra e mentre sbatto convulsamente le palpebre un rombo di tuono sembra perforare la parete insonorizzata dei miei timpani. Non riesco a decifrarne l’origine ma possiede certamente un ritmo.
Provo a muovermi ma il mio corpo non funziona, io non funziono. Il terrore paralizza ogni centimetro quadrato di muscolo e vedo il mio petto alzarsi e abbassarsi troppo velocemente. Cosa è accaduto, chi, come, quando? Dove? Avverto qualcosa di appuntito e tagliente fare pressione sulla mia gamba e dei filamenti della consistenza di un capello sui palmi delle mani. Quello che sembrava un tuono altro non è che il mio stesso cuore che batte nelle orecchie, batte e ribatte ed ogni colpo è un martello impietoso sulla tempia. Il sangue pulsa nelle vene e fluisce e continua a dare vita ai miei organi in un vortice che rende il mondo un posto alquanto confuso. Una mano non me la sento più.
Era una normale giornata di lavoro e poi è successo quello che non doveva succedere. Read More